Litigano per una precedenza, anziano picchiato e investito a Torino

  • 🎬 Video
  • ℹ️ Published 7 years ago
preview_player
UCWJhBqnyVdHAuxexgjghNFw

Un diverbio tra automobilisti ha rischiato di finire in tragedia quando un uomo di 53 anni ha preso a sportellate e successivamente investito un pensionato di 63 anni reo di aver mancato una precedenza. L'assalitore è stato arrestato per tentato omicidio.


💬 Comments
Author

Ma non puoi reagire così per una precedenza sbagliata, addirittura ha investito quel povero uomo, hai dei problemi in testa, se fai cosi.

Author — Eleonora Mingari

Author

Da napoletano dico che se era successo a Napoli il giovane sarebbe stato linciato dalla gente e personalmente se c'ero io gli facevo ingoiare l'auto

Author — Ciro Izzo

Author

La cosa triste . . . . Poteva essere suo padre!

Author — Vittorio Iaccarino

Author

Ma in che via era ? E poi la donna poteva fare qualcosa al posto di guardare e basta....

Author — Jacopo gazzarata

Author

io dico che non deve morire perche seno non soffre..io dico che deve essere rinchiuso in una cella e poi si butta la chiave fine

Author — Gerolamo Falco

Author

Deve soffrire per il resto dei suoi giorni

Author — WHITHESHOT_ 1200

Author

Ma che fifone te ne sei scappato hai avuto paura che ti picchiavano. Sei andato a piangere dalla Mammina

Author — qustyFN

Author

Che infame con un vecchio se la prende che pazzo

Author — Asia Salimbeti

Author

Prossimo anno fai video che noi Due Litigamo per la Ragazza

Author — Patrickedwarddeborja

Author

Comunque per fanpage ha precedenza chi viene da sinistra. E' un giornalino che non fa testo.

Author — NomeECognome

Author

Oggi sono tutti matti, io li lascio passare tutti

Author — Andrea Libero

Author

Che schifo se la prende con un ansiano che non si sa nemmeno difendere

Author — Tindara Grassia

Author

Da catanese dico che a Catania a uno di questo u macinamu re coppa e poi ci facemu fari a motti do suggi a stu bastaddu

Author — Daniele Grasso

Author

Fategli mangiare sterco di cavallo a vita

Author — Francesco Stanca